Copie de Profession _ Avocat Entrepreneur (2)

Perché il software di fatturazione per avvocati è essenziale per uno studio legale?

Il software essenziale per la fatturazione degli avvocati di uno studio legale

Il software di fatturazione per avvocati è il migliore amico di uno studio legale.

Come tutti sappiamo, gli avvocati non vivono di amore e di acqua fresca. E senza fatturazione, niente spese. Allora perché questo compito è visto come il bête noire nella loro lista delle cose da fare?

Probabilmente perché il tempo dedicato ad essa sottrae a compiti più essenziali: l’elaborazione dei casi, gli incontri con i clienti o la strategia di crescita dello studio.

Sì, ma… Fare soldi “fisicamente” fa parte della vita di ogni azienda che vuole sopravvivere e prosperare. Certo, non tutte le aziende hanno un reparto di contabilità dedicato e le più piccole devono fare tutto da sole, oltre al lavoro di consulenza.

Ma è un passo che non può essere ignorato. Tanto vale rimboccarsi le maniche e trovare lo strumento che li solleverà da questo lavoro ripetitivo.

Software di fatturazione per avvocati o come risparmiare tempo

Il processo di fatturazione di un cliente è un po’ come il viaggio di un combattente: compilare le informazioni obbligatorie, calcolare le tariffe in HT e TTC, inviare la fattura, monitorare l’incasso, seguire le fatture non pagate, trasferire il tutto al contabile. E tutto questo, per ogni cliente che la terra ha conosciuto.

Allora perché non sfruttare i vantaggi della tecnologia e dell’innovazione? Infatti, un semplice software può precompilare tutti i dati obbligatori della fattura. Soprattutto, svolge gli ardui compiti di calcolo e di editing al posto degli esseri umani. Questo si fa in pochi click sul vostro telefono ovunque vi troviate geograficamente.

Inoltre, il sistema si sincronizza automaticamente con le funzioni che seguono i file all’istante. Una cartella è chiusa? Questo fa scattare sistematicamente la fatturazione. Addio al peso mentale della contabilità!

Modificare rapidamente le fatture: la promessa di un software di fatturazione per avvocati

A ciascuno il suo. E i dipendenti hanno di meglio da fare che calcolare somme o percentuali.

La digitalizzazione ha la capacità di produrre un numero di fatture al minuto che un dattilografo umano veloce non sarebbe in grado di produrre. Il software di fatturazione di un avvocato industrializza la modifica delle fatture ed esporta i dati in qualsiasi strumento di contabilità.

Oltre al risparmio di tempo, la leggibilità è anche molto chiara grazie alla centralizzazione di tutte le informazioni essenziali. Un cruscotto riassume l’elenco dei clienti da fatturare, le condizioni di prezzo negoziate con loro e lo storico dei pagamenti. 

Smettete di perdere denaro e gestite il flusso di cassa della vostra azienda in tempo reale.

Le imprese, come qualsiasi altra azienda, si trovano ad affrontare un fenomeno che sta uccidendo il flusso di cassa. Sì, stiamo parlando di delinquenza, che rappresenta una media del 30% di mancato guadagno. Tuttavia, il flusso di cassa è la molla della guerra, soprattutto in questo periodo in cui la digitalizzazione della legge sta dando origine a concorrenti che guardano al mercato degli avvocati (per non parlare del buio associato al COVID).

La fatturazione è già un compito ingrato. Ma l’invio di promemoria e il follow-up lo sono ancora di più. Un software di fatturazione per avvocati si occuperà di tutti questi compiti che richiedono molto tempo. Il guadagno dell’operazione? In media il 30% in più nel fatturato della cabina.

Questo strumento offre ai partner la possibilità di vedere dal vivo la situazione del flusso di cassa. E quindi individuare quote di mercato redditizie e intraprendere le azioni appropriate per la crescita dell’azienda grazie al tempo risparmiato sulla fatturazione. 

blog3

Avvocato Comunicazione 1/2 – Differenziarsi

Avvocato Comunicazione 1/2 – Differenziarsi

Come sapete, dal 2014 l’avvocato ha il diritto di comunicare. Se tale comunicazione è autorizzata, è comunque strettamente regolamentata dai testi. Fortunatamente, questo non vi impedirà di comunicare in modi diversi per far conoscere il vostro messaggio (torneremo su questo in un prossimo articolo).

Oggi, nel baccano generale, e qualunque sia il mercato che avete scelto, è probabile che le vostre prospettive abbiano l’imbarazzo della scelta. Dovete quindi sviluppare un messaggio che catturi la loro attenzione: l’unico modo per essere quello o quello che sceglieranno.

Differenziarsi per esistere 

Come spiegato sopra (articolo 2), presentarsi come “avvocato di diritto di famiglia”, “avvocato di diritto amministrativo” o “avvocato di diritto del lavoro” è un buon inizio. Purtroppo, questo non basterà a farvi emergere. È importante costruire un messaggio distintivo per essere rapidamente notato e identificato.

Un avvocato di diritto del lavoro può quindi posizionarsi come avvocato dei dipendenti o, al contrario, come avvocato dei datori di lavoro. Un avvocato di diritto di famiglia può comunicare su un aspetto particolare (divorzi internazionali…). Un avvocato di diritto penale può naturalmente presentarsi come difensore o avvocato della parte civile. Per quanto riguarda il diritto commerciale, offre la possibilità di presentare un’offerta limitata come la proprietà intellettuale, le imprese in difficoltà o, ad esempio, il diritto commerciale penale. Guardate attentamente, tutte le aree del diritto si prestano a questo esercizio di puntamento.

A seconda del mercato a cui vi siete rivolti, può essere opportuno rafforzare le vostre competenze adattandole. Con un DU in diritto rurale, sono stato in grado di praticare il diritto urbanistico con una maggiore attenzione al mondo agricolo. A titolo personale, anche se non ho mai voluto esercitare esclusivamente nel diritto rurale, trasferirmi in una zona vicina alla campagna mi ha portato a perfezionare le mie competenze in questo settore.

Semplificare e rendere accessibile il suo messaggio

Per essere compresi ed efficaci, assicuratevi di presentare il vostro messaggio nell’interesse di coloro per i quali agite. Per semplificare il vostro messaggio, chiedetevi come presentereste la vostra attività ai vostri genitori (o ai vostri figli). Si definirebbe “un avvocato specializzato in diritto del lavoro dal lato dei dipendenti” o “un avvocato che difende i dipendenti nelle loro controversie con i datori di lavoro”? In qualità di avvocato penalista, potete dire di accompagnare le parti civili dalla presentazione della denuncia all’esecuzione della sentenza. In qualità di avvocato in materia di proprietà intellettuale, potete dire di aiutare le aziende a proteggere i loro marchi, ecc.

Il vostro caso sarà tanto più facile quanto più avrete riflettuto attentamente sulla vostra offerta, sulle vostre capacità e sulle vostre motivazioni (cfr. articoli 1 e 2). Questa presentazione fa seguito alle fasi precedenti (definizione sintetica della vostra offerta, confronto con il mercato, perfezionamento dell’offerta, che diventa “notevole”).

Se vuoi diventare un esperto di marketing notevole e “dirompente”, ti invito a scoprire la visione di marketing di Seth Godin, l’autore di “The Purple Cow” https://www.conseilsmarketing.com/referencement/critique-du-livre-the-purple-cow-de-seth-godin/.

In qualità di avvocato in formazione, potreste pensare che il mio consiglio sia troppo lontano dalle vostre preoccupazioni. È vero che Seth Godin ha ispirato molte più start-up di quanto abbia ispirato molti più avvocati di alto livello. Sono sicuro che siete scettici o preoccupati. Niente panico. È perfettamente normale avere paura! Non preoccupatevi, un’offerta che non raggiunge il suo obiettivo sarà facile da cambiare e poco costosa. E se lo manchi, non c’è problema. Prima di riuscirci, Thomas Edison non ha mai fallito, ma “ha trovato 10.000 soluzioni che non hanno funzionato”. Il vantaggio della nostra attività intellettuale e immateriale è che non dobbiamo investire in una nuova macchina o creare un prodotto fabbricato che ha richiesto 3 anni di ricerca e sviluppo. Provate la vostra offerta e vedrete!

Inoltre, nulla vi impedirà, almeno inizialmente, di continuare a lavorare in campi diversi da quelli da voi proposti. Ma questo “targeting” vi permetterà di dare alla vostra azienda una dinamica, un colore, in una parola: una firma. Il prossimo passo sarà quello di utilizzare il maggior numero possibile di leve di comunicazione per rendere nota questa firma. 

Informazioni sull’autore

avocat entrepreneur

Presentazione e introduzione del Maestro Chloé Schmidt-Sarels.

Laureato alla CAPA nel 2012, non volevo affatto esercitare la professione di avvocato. Così ho iniziato la mia carriera professionale come responsabile legale di una start-up.

Dopo un’esperienza molto arricchente, un bisogno di autonomia e una certa nostalgia per il diritto pubblico mi hanno portato a stabilirmi come avvocato liberale.

Sans titre (16)

[#SERIE] Professione : Avvocato Imprenditore #2

Professione: Avvocato Imprenditore – Adattare l’offerta alla domanda – #2

Avete deciso di sistemarvi e desiderate diventare un avvocato identificato o addirittura riconosciuto nella vostra materia preferita. Come spiegato sopra, è nel vostro interesse dedicarvi a uno dei rami del diritto che più vi si addice.

Ahimè, per sviluppare con successo la vostra attività, non è sufficiente praticare la legge che amate. Ci deve essere ancora una domanda sufficiente per sostenervi. Un uomo d’affari di successo può essere in grado di vendere gelati agli eschimesi, ma se non c’è mercato, un imprenditore avrà difficoltà a sopravvivere. Il fattore principale del fallimento delle start-up sarebbe l’assenza di un mercato (nel 42% dei casi, secondo uno studio di CB insight).

Quindi, come avvocato-imprenditore, anche lei deve porsi la domanda del mercato. Vale a dire, se le vostre competenze possono soddisfare esigenze chiaramente identificate. Se confermate che esiste un mercato sufficientemente grande per sostenervi, dovrete poi stimare la vostra capacità di emergere su questo mercato.

Identificare le esigenze e il numero di potenziali richieste nel vostro settore e bacino di utenza

Non c’è bisogno di convincervi dello sviluppo di alcuni rami del diritto e del fenomeno della magistratura della società.

Ci sono semplici tecniche di dimensionamento del mercato (“Market sizing”) che si possono adattare a qualsiasi ramo del diritto. Così, è facile stimare certe esigenze nel diritto personale.  Non c’è bisogno di guardare le statistiche per sapere che c’è una richiesta di un avvocato di diritto di famiglia. Se lo desiderate, potete definire il mercato del diritto di famiglia (il numero di potenziali rinvii ad un avvocato) consultando dati pubblici come il numero di nascite, divorzi, ecc. Un avvocato specializzato nella difesa delle vittime di incidenti stradali sarà anche in grado di identificare rapidamente il numero di incidenti annuali e le potenziali vittime.

Poiché il lavoro dell’avvocato è lungi dall’essere smaterializzato, è importante stimare il vostro mercato in base alla vostra area geografica e pianificare di adattare la vostra offerta al vostro ambiente.

Infatti, la maggior parte delle volte, la posizione del vostro studio legale sarà molto importante: un avvocato d’affari che si trova al di fuori di una grande metropoli, logicamente, non incontrerà la clientela a cui aspira. D’altra parte, se si desidera praticare il diritto personale, una posizione in un deserto giudiziario vi permetterà di attrarre facilmente una clientela locale.

Se la vostra sede principale non vi consente di conquistare un mercato abbastanza grande, l’apertura di uno studio secondario in una posizione strategica può rivelarsi giudiziosa: vicino alla costa nel diritto marittimo, in una regione di confine nel diritto internazionale/europeo, ecc.

Un’offerta né troppo ampia

Per potersi mettere rapidamente a proprio agio ed emergere nel medio/lungo termine, è importante dedicarsi rapidamente a un ramo del diritto. Infatti, il medico di medicina generale rischia di essere sopraffatto dalla sua clientela e di dover reinventare la ruota ad ogni caso.

A mio parere, la pratica di più di 3 aree molto diverse (come lo sono: la famiglia, il criminale, il lavoro) rischia di fonderti nella massa di avvocati del tuo bar. Soprattutto, però, questo vi permetterà di acquisire solo i riflessi necessari per una gestione efficiente dei casi. Anche se è consuetudine consultare regolarmente un medico di medicina generale che vi indirizzerà ad uno specialista, non sarete in grado di costruire una clientela pronta a consultarvi (a pagamento) per ogni questione legale. Nella migliore delle ipotesi, rischiate di competere invano con l’assistenza legale dei vostri clienti.

Vi incoraggio a definire la vostra offerta sulla base delle 26 specialità stabilite dal Consiglio Nazionale degli Ordini Forensi, che possono rivelarsi giudiziose e non troppo complicate.

né troppo limitato

Se da un lato è importante fare un’offerta relativamente ristretta per renderla chiara, dall’altro non ci si dovrebbe rinchiudere in una pratica di diritto troppo ristretta, soprattutto all’inizio.

Se si inizia senza una base di clienti, sarà probabilmente difficile sopravvivere concentrandosi su un solo argomento. Questo può essere dovuto al fatto che non avete abbastanza clienti, o perché non ne avete bisogno (ad esempio, diritto dei suoceri, litigi congiunti, assistenza ai convenuti georgiani, ecc. In quest’ultimo caso, un’offerta troppo limitata sembra incompatibile con una piccola struttura di start-up, poiché le imprese di nicchia hanno potuto prosperare grazie a un’esperienza sufficiente (ad esempio, IVA, risparmi dei dipendenti, aziende agricole, ecc.)

Una volta che la vostra offerta è stata sufficientemente definita, la sfida consiste nel distribuirla ai vostri potenziali clienti. In altre parole, per comunicare bene! Questo sarà l’argomento del mio prossimo articolo.

Informazioni sull’autore

avocat entrepreneur

Presentazione e introduzione del Maestro Chloé Schmidt-Sarels.

Laureato alla CAPA nel 2012, non volevo affatto esercitare la professione di avvocato. Così ho iniziato la mia carriera professionale come responsabile legale di una start-up.

Dopo un’esperienza molto arricchente, un bisogno di autonomia e una certa nostalgia per il diritto pubblico mi hanno portato a stabilirmi come avvocato liberale.

Sans titre (15)

Occupazione: Avvocato Imprenditore #1

Professione: Avvocato Imprenditore – La definizione della sua offerta – #1

In occasione di una serie di articoli, Maître Chloé Schmidt-Sarels, utente di Jarvis Legal, ci racconta la sua visione dell’avvocato, un imprenditore soprattutto. 

avocat entrepreneur

Presentazione e introduzione del Maestro Chloé Schmidt-Sarels.

Dopo la laurea in CAPA nel 2012, non avevo alcun desiderio di esercitare la professione di avvocato. Così ho iniziato la mia carriera professionale come responsabile legale di una start-up.

Dopo un’esperienza molto arricchente, un bisogno di autonomia e una certa nostalgia per il diritto pubblico mi hanno portato a stabilirmi come avvocato liberale.

Ma cosa fare? Dato che non sono mai passato attraverso la scatola della collaborazione, ho avuto ancora questa folle idea di creare un’attività in proprio.

I pochi stage che avevo fatto durante i miei studi a Parigi erano ben lontani da quello che mi aspettavo come nuovo avvocato in una città che si potrebbe definire un deserto giudiziario e all’interno di un piccolissimo bar (100 avvocati, 300 volte meno che a Parigi: un altro mondo!)

Nessuna esperienza, nessuna clientela, nessuna rete: sarei stato uno di quegli avvocati che appendono il vestito dopo un anno?

Per uscirne ho dovuto tirare fuori i remi e adottare una sorta di approccio imprenditoriale.

Anche se la situazione tende a cambiare, mi dispiace che il termine “imprenditore” non faccia necessariamente parte del DNA della nostra professione.

Tuttavia, sembra essere uno dei segreti del successo dei nostri fratelli maggiori. Per esempio, Corinne Lepage ha risposto a una giornalista che le ha chiesto se doveva gestire il suo studio legale come un imprenditore, che non sapeva “come fanno quelli che non lo fanno”.

Quella frase mi è entrata in testa e mi ha guidato.

Ecco perché sono felice di poter condividere la mia esperienza di avvocato d’impresa.

Vi offro quindi una serie di articoli che spero vi aiutino ad avere successo nella vostra installazione, che siate stati o meno collaboratori.

Condividerò con voi i miei stati d’animo e il mio stato d’animo, il modo in cui ho definito la mia offerta, le leve di comunicazione, gli strumenti di gestione che facilitano la mia vita quotidiana e il modo in cui gestisco la parte finanziaria e amministrativa.

Definire la vostra offerta, il primo passo essenziale

“Vedrai, i clienti sceglieranno te”, “Dovrai prendere tutti i file che arrivano”. Queste sono le parole gentili e/o preoccupate che alcuni dei miei colleghi mi hanno detto.

Nonostante la mia limitata esperienza, sapevo perché ho frequentato la facoltà di legge. Sapevo anche quello che non potevo e soprattutto non volevo fare. Per me era fuori discussione entrare nel diritto penale, commerciale e del lavoro.

Non mi ero costituito come avvocato indipendente in modo che i miei clienti potessero dettare le mie scelte.

Così mi sono detto che avrei fatto di tutto perché i casi da me trattati mi andassero bene e che la mia attività non sarebbe stata modellata dai miei clienti, ma da me, al servizio dei miei clienti. Così ho deciso, passo dopo passo.

Le prime domande da porsi sono: “chi sono e cosa mi spinge? Qual è la mia formazione iniziale? ».

Chi sono? Cosa mi spinge?

L’idea di praticare l’urbanistica e il diritto ambientale mi è venuta subito in mente.

Poco prima di trasferirmi in questa piccola città in una zona semi-rurale nel bel mezzo di una massiccia urbanizzazione, ero diventato molto consapevole dell’ambiente e avevo fatto un (quasi) zero rifiuti nella mia vita quotidiana.

Come avvocati, in tutti i settori, abbiamo la fortuna di poterci mettere a volte al servizio di cause (o persone) che daranno più significato alla nostra professione.

Ognuno di noi ha necessariamente qualcosa che ci sta a cuore e che potrebbe dare un colore particolare ad almeno una parte della nostra attività, permettendogli di differenziarsi. A proposito, questa coerenza è un buon modo per essere ogni giorno più felici e più efficienti 🙂

Qual è il mio background? Devo approfondire alcuni aspetti?

Fino al master, siamo tutti generalisti. Ci siamo specializzati un po’ al livello del maestro. Ovviamente, la mia formazione in diritto amministrativo generale, seguita 6 anni prima, non sarebbe sufficiente per permettermi di esercitare la professione in urbanistica e diritto ambientale.

Appena mi sono insediata, ho quindi deciso di formarmi in diritto rurale con una laurea universitaria e poi di andare oltre con un secondo Master 2 in urbanistica e diritto ambientale.

Questa formazione mi ha dato fiducia, mi ha aperto molte porte e mi ha fatto incontrare grandi persone.

Differenziarsi

Un’offerta precisa e specializzata vi contraddistingue. Vi rassicurerà tanto quanto rassicurerà il cliente.

I giorni degli avvocati generali sono finiti. L’aumento della concorrenza e la crescente tecnicità di molti soggetti semplicemente non lo permettono più.  Non dimentichiamo che i casi che accettiamo riguardano la nostra credibilità e la nostra responsabilità nei confronti del cliente.

Una volta definito il “dominante” per l’attività del vostro studio, andate oltre, dettagliatelo: per tipo di caso (consulenza o contenzioso), per tipo di cliente (aziende, individui, enti locali, associazioni, ecc.).

Siamo fortunati ad essere indipendenti. Approfittiamo di questa opportunità per scegliere l’area che ci piace di più e che ci interessa di più.

Naturalmente, il passo successivo è assicurarsi che il vostro desiderio soddisfi una richiesta o un bisogno! Ne parlerò nel mio prossimo articolo.

logiciel avocat teletravail

Avvocato e telelavoro? Sì, è possibile, ma non in ogni caso!

Telelavoro e Avvocato, compatibili e altro ancora se di affinità.  

Fino a pochi mesi fa, avvocato e telelavoro non erano due parole che pensavamo di dover associare. Un avvocato lavora nel suo ufficio, non importa quanto grande o piccolo sia, è in ufficio. Tuttavia, da marzo, la crisi di Covid19 ha portato alla luce una pratica già in atto presso una maggioranza di avvocati che si occupavano inconsapevolmente di telelavoro, spesso trattando i loro casi la sera, nei fine settimana o la mattina presto, da casa, senza alcun software legale che li aiutasse.

Il telelavoro, meno vincolato rispetto ad altre professioni, comincia ad attrarre sempre più avvocati, a partire dai più giovani. Due sono le ragioni di questo cambiamento, già percepibile prima di marzo e ancora di più da allora: una vita personale già fortemente digitalizzata e un più precario equilibrio personale/professionale.

Secondo un’indagine condotta dai nostri team quest’estate, il 75% degli avvocati prevede di iniziare a lavorare nel proprio studio nei prossimi mesi e per il 25% di essi per più di 2 giorni a settimana.

Ma, chi dice lavoro a distanza, dice adattamento dei suoi strumenti di lavoro.

Un portatile, naturalmente, ma anche l’utilizzo di nuovi strumenti di comunicazione e di condivisione delle informazioni. Naturalmente, in questo settore esistono già strumenti per il grande pubblico: WhatsApp per scambi rapidi con i clienti, l’utilizzo di drive per la registrazione e lo scambio di documenti, videoconferenze per compensare l’assenza di incontri faccia a faccia (Zoom, Skype, ecc.).

Sì, ma che dire della sicurezza dei dati e del rispetto della RGPD riguardo a questi strumenti accessibili a tutti? Uno strumento specifico per gli avvocati non sarebbe più adatto e più sicuro? Non sarebbe più facile usare un unico strumento “multi-tasking”? Per non parlare del tempo risparmiato e della maggiore facilità di organizzazione e quindi di gestione dell’orario di lavoro?

Il punto di vista di Jarvis sul telelavoro

Jarvis ha anticipato tutti questi aspetti per sostenere al meglio la professione e assicurarla in questo nuovo modo di lavorare. Un nuovo modo di lavorare da qualsiasi luogo come se fossi nel tuo ufficio.

Come? Nel modo più semplice possibile grazie alle sue soluzioni web complete. Meglio. Ora è possibile lavorare localmente anche offline con il Jarvis box. Non appena trovate una connessione, tutti i dati vengono sincronizzati con il vostro cloud.

Infine, Jarvis è anche uno strumento di videoconferenza sicuro per garantire la riservatezza dei vostri scambi con i vostri clienti, rendendo la sua offerta un pacchetto completo che riunisce in un unico strumento tutti gli usi del lavoro a distanza.

E perché l’essere umano rimane al centro delle nostre preoccupazioni, ancor più in questi tempi di “smaterializzazione”, e perché è importante per noi mantenere una forma di rapporto relazionale al centro della nostra e della vostra attività, Jarvis è anche e soprattutto un team che rimane a vostra disposizione per sostenervi in questa nuova transizione e in questo nuovo modo di lavorare.

È l’uso di tutte le sue funzionalità attorno ad un team al vostro servizio che fa di Jarvis un pioniere dell’azienda virtuale.

Questa è la ricetta “Jarvis” per promuovere l’equilibrio personale e professionale della vita, per limitare i rischi per la salute e per risparmiare tempo e ridurre la fatica (viaggi, ecc…). 

2-min

Lasciare la collaborazione liberale e iniziare in 5 passi

Gli avvocati sono sempre più mobili nella loro carriera e ci sono oggi tanti modi diversi di esercitare quanto i profili degli avvocati. Mentre alcuni scelgono di costituirsi su base individuale, altri preferiscono optare per la creazione di una struttura con i colleghi, se non con altre professioni regolamentate (nell’ambito di una SPE). Infine, altri avvocati scelgono di fare carriera all’interno di uno studio e, possibilmente, di candidarsi per l’associazione.

Se per molto tempo il modello classico è stato quello di “fare i compiti a casa” per qualche anno in uno studio legale, la nuova generazione di avvocati che si affaccia sul mercato sembra voler emanciparsi e stabilirsi più rapidamente come avvocato. Tuttavia, è necessario porsi le giuste domande prima di procedere con l’installazione.

Anticipare l’installazione non appena si collabora

L’installazione è prevista e spesso comporta un cambiamento di stile di vita per un avvocato. Lasciare una comoda retrocessione dell’onorario è un rischio che molti avvocati temono, soprattutto se non sono stati in grado di sviluppare la loro clientela personale all’interno di uno studio.

Per superare questa paura, è necessario preparare la sua installazione fin dalla sua collaborazione. L’obiettivo deve essere quello di staccarsi gradualmente dall’immagine della propria pratica e di affermare la propria identità e le proprie competenze. Quindi, il primo passo può essere quello di creare il proprio sito web con le proprie offerte prima di stabilirsi. Questo permette di :

  • di prendersi il tempo di pensare al suo posizionamento, alle sue offerte e alla sua identità visiva prima di essere colti da vincoli economici e dalla necessità di generare rapidamente clienti ;
  • di emanciparsi dall’immagine della sua azienda e di essere visibile su google;
  • per testare il mercato e ottenere un feedback iniziale sulla sua capacità di generazione di piombo.
 

Costruisci la tua offerta e differenziati

L’arrivo sul mercato di altri attori (legaltech, commercialisti, associazioni, ecc.) richiede agli avvocati di costruire un’offerta solida e differenziata prima della costituzione. In effetti, l’avvocato non può più semplicemente “mettere giù il piatto” e proporre una classica perizia giuridica.

Formalizzate le esigenze dei vostri clienti e del vostro target e costruite un’offerta che soddisfi le loro aspettative.

Piuttosto che mettere in evidenza le competenze legali generali (aree del diritto) sul vostro sito web, cercate di confezionare i vostri servizi e risolvere i problemi delle vostre aree di intervento in base alle esigenze dei vostri clienti. Inoltre, non esitate a offrire servizi online e ad automatizzare le attività a basso valore aggiunto per risparmiare tempo ed essere competitivi sui prezzi.

Infine, uno studio legale può essere altrettanto innovativo nei servizi accessori che l’avvocato può offrire al suo cliente, ad esempio:

Mobilitare diverse leve di comunicazione

Per poter vendere i propri servizi è necessario essere identificati e identificabili sul mercato. Una strategia di comunicazione implica la mobilitazione di diversi canali per promuovere le proprie competenze.  

– Prima di tutto, un approccio minimalista consiste nel registrarsi su una piattaforma di relazione avvocato-cliente. Oggi esistono circa dieci piattaforme di questo tipo, ognuna con funzionalità specifiche. Alcune piattaforme fanno pagare l’avvocato, altre no. La registrazione su una piattaforma permette, come minimo, di essere referenziati sul web e di generare alcune chiamate. Così, l’analisi delle soluzioni esistenti sul mercato sembra essere un passo preliminare essenziale per preparare la sua installazione (in questo senso, vedi il video “Finding a (good) lawyer #1 (battle of legaltech)”).

– Poi, è necessario essere proattivi sui social network. Questi nuovi media vi permettono di creare una comunità (1), generare una base di prospettive (2) e migliorare il vostro referenziamento (3). L’obiettivo è quello di essere identificato come specialista intorno a una o più competenze. Il primo passo è quello di analizzare il comportamento del vostro target (individui, professionisti, ecc.) e di registrarsi sulle reti più rilevanti per raggiungerli. Se LinkedIn è la rete professionale prescelta, non bisogna sottovalutare la forza di altre reti come YouTube e Instagram. Un approccio proattivo al networking implica la pubblicazione regolare di contenuti, sia che si tratti di contenuti (articoli, grafica computerizzata, video) che di narrazione (ad esempio, interventi a conferenze). Pubblicate nelle “ore di punta” di ogni rete in modo che le vostre pubblicazioni abbiano il massimo impatto, e non esitate a collaborare con altri professionisti taggandosi a vicenda in ogni pubblicazione. Mostrate il vostro ecosistema e ve lo restituirà!

– Infine, non esitate a offrire contenuti gratuiti alla vostra comunità. Il tempo investito in questo approccio convaliderà la vostra esperienza e sarà un prodotto di richiamo per offrire i vostri servizi. Per avere un ritorno sull’investimento, il contenuto proposto deve essere di qualità (1), accessibile (2) e innovativo (3). Prima di tutto, il vostro contenuto deve essere motivato giuridicamente in quanto è alla base della vostra credibilità sul mercato. In secondo luogo, il contenuto deve essere educativo in modo che possa essere compreso da tutte le parti coinvolte (evitare il “nonostante” e altre espressioni giuridiche e giuridiche). Infine, proporre un formato che vada fuori dai sentieri battuti. Molti avvocati stanno esplorando nuovi formati come la computer grafica legale (Kristina Lazatian), i podcast (Elise Couintet) o anche i video di youtube (Arthur Sauzé). Questi formati saranno meglio referenziati rispetto agli articoli tradizionali. Proponi di inviare i tuoi contenuti alla tua comunità tramite una newsletter per creare un file di potenziali clienti.

Organizzarsi per lavorare in modo efficiente

Nei primi mesi di installazione, è raro avere uffici fissi e chiusi. Molti avvocati scelgono di iniziare a lavorare in spazi di coworking dedicati agli avvocati, in parte presso lo studio di un collega e in genere aumentano la quantità di viaggi. Questa mobilità richiede che l’avvocato abbia sempre accesso ai suoi file e documenti, proteggendo al contempo i dati dei suoi clienti. Pertanto, una soluzione cloud privata con replica locale è ideale per essere autonoma, mobile, perfettamente sicura e non dipendente da Internet.

Inoltre, l’automazione di una serie di compiti a basso valore aggiunto (ad es. la fatturazione) consente di risparmiare una notevole quantità di tempo nella gestione dei casi.

Genera clienti e traccia i tuoi record

La generazione di clientela e di fatturato è spesso dolorosa per un avvocato che si mette in proprio perché questa dimensione commerciale non era prevista all’Università e all’EFB.

Il primo passo, una volta definito il vostro posizionamento e stabilito il vostro business plan, è fare affidamento sulla vostra rete. I vostri rapporti personali e professionali sono il vostro primo supporto e conoscono molte potenziali prospettive. Aiutateli, informateli, spiegate loro cosa proponete.

Inoltre, una soluzione semplice per generare la clientela è l’esternalizzazione dei file. In effetti, le piccole strutture consolidate si trovano spesso a dover affrontare un sovraccarico di pratiche e sono alla ricerca di giovani colleghi a cui subappaltare le pratiche. Il subappalto è un modo per mantenere un livello minimo di remunerazione, pur beneficiando della flessibilità dell’impianto. Una soluzione di questo tipo permette di limitare la noiosa fase di prospezione e di avere pochi clienti direttamente.

Soprattutto, avere una visione a 360 gradi delle vostre prospettive e adottare una strategia di vendita organizzata. Registrate tutti i vostri potenziali clienti, comunicate le vostre offerte e non esitate a rilanciarle.  L’utilizzo di soluzioni SaaS per lo sviluppo del business (ad es. Nomination) consente di identificare le opportunità di contatto con i potenziali clienti che sono importanti per voi e di avviare la relazione. Una volta che i vostri primi potenziali clienti sono stati convertiti in clienti, seguiteli e ricontrollateli frequentemente per identificare nuove esigenze.