Avvocato e telelavoro? Sì, è possibile, ma non in ogni caso!

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Telelavoro e Avvocato, compatibili e altro ancora se di affinità.  

Fino a pochi mesi fa, avvocato e telelavoro non erano due parole che pensavamo di dover associare. Un avvocato lavora nel suo ufficio, non importa quanto grande o piccolo sia, è in ufficio. Tuttavia, da marzo, la crisi di Covid19 ha portato alla luce una pratica già in atto presso una maggioranza di avvocati che si occupavano inconsapevolmente di telelavoro, spesso trattando i loro casi la sera, nei fine settimana o la mattina presto, da casa, senza alcun software legale che li aiutasse.

Il telelavoro, meno vincolato rispetto ad altre professioni, comincia ad attrarre sempre più avvocati, a partire dai più giovani. Due sono le ragioni di questo cambiamento, già percepibile prima di marzo e ancora di più da allora: una vita personale già fortemente digitalizzata e un più precario equilibrio personale/professionale.

Secondo un’indagine condotta dai nostri team quest’estate, il 75% degli avvocati prevede di iniziare a lavorare nel proprio studio nei prossimi mesi e per il 25% di essi per più di 2 giorni a settimana.

Ma, chi dice lavoro a distanza, dice adattamento dei suoi strumenti di lavoro.

Un portatile, naturalmente, ma anche l’utilizzo di nuovi strumenti di comunicazione e di condivisione delle informazioni. Naturalmente, in questo settore esistono già strumenti per il grande pubblico: WhatsApp per scambi rapidi con i clienti, l’utilizzo di drive per la registrazione e lo scambio di documenti, videoconferenze per compensare l’assenza di incontri faccia a faccia (Zoom, Skype, ecc.).

Sì, ma che dire della sicurezza dei dati e del rispetto della RGPD riguardo a questi strumenti accessibili a tutti? Uno strumento specifico per gli avvocati non sarebbe più adatto e più sicuro? Non sarebbe più facile usare un unico strumento “multi-tasking”? Per non parlare del tempo risparmiato e della maggiore facilità di organizzazione e quindi di gestione dell’orario di lavoro?

Il punto di vista di Jarvis sul telelavoro

Jarvis ha anticipato tutti questi aspetti per sostenere al meglio la professione e assicurarla in questo nuovo modo di lavorare. Un nuovo modo di lavorare da qualsiasi luogo come se fossi nel tuo ufficio.

Come? Nel modo più semplice possibile grazie alle sue soluzioni web complete. Meglio. Ora è possibile lavorare localmente anche offline con il Jarvis box. Non appena trovate una connessione, tutti i dati vengono sincronizzati con il vostro cloud.

Infine, Jarvis è anche uno strumento di videoconferenza sicuro per garantire la riservatezza dei vostri scambi con i vostri clienti, rendendo la sua offerta un pacchetto completo che riunisce in un unico strumento tutti gli usi del lavoro a distanza.

E perché l’essere umano rimane al centro delle nostre preoccupazioni, ancor più in questi tempi di “smaterializzazione”, e perché è importante per noi mantenere una forma di rapporto relazionale al centro della nostra e della vostra attività, Jarvis è anche e soprattutto un team che rimane a vostra disposizione per sostenervi in questa nuova transizione e in questo nuovo modo di lavorare.

È l’uso di tutte le sue funzionalità attorno ad un team al vostro servizio che fa di Jarvis un pioniere dell’azienda virtuale.

Questa è la ricetta “Jarvis” per promuovere l’equilibrio personale e professionale della vita, per limitare i rischi per la salute e per risparmiare tempo e ridurre la fatica (viaggi, ecc…).